• Home
  • Studenti
  • Primo giorno di scuola

Primo giorno di scuola: informazioni

 

 

Il primo giorno di scuola sarà per tutti gli studenti mercoledì 11 settembre 2018, come da calendario regionale.

 

Mercoledì 11 settembre

  • Le classi 2^ - 3^ - 4^ - 5^ entreranno alle ore 8.50 (2^ ora) per consentire lo svolgimento delle attività di accoglienza delle classi 1^. Gli alunni entreranno da via delle Coste e si recheranno nelle aule loro destinate, che saranno rese note nei prossimi giorni tramite circolare organizzativa. Le classi in orario al Fermi si recheranno direttamente in succursale. Solo per il giorno 11 settembre dovranno rimanere in queste aule e svolgervi le lezioni delle materie in orario. A partire dal 12 settembre, invece, si recheranno nelle aule previste dall’orario definitivo delle lezioni. Si raccomanda pertanto di controllare sul sito e sul registro elettronico sia l’orario delle lezioni, sia l’aula riservata solo per il giorno 11 settembre.
  • Le classi 1^ entreranno alle ore 7.45 (1^ ora) e faranno il loro ingresso dal cortile retrostante la scuola, che si affaccia su piazzale Guardini. Nel cortile troveranno dei cartelli indicanti la sezione di appartenenza e i docenti che li accompagneranno nelle aule o in aula magna. L’appello sarà fatto dalle 7.45 alle 8.00 in cortile. Gli studenti sono invitati a recarsi subito in prossimità del cartello della propria sezione (gli elenchi delle classi saranno pubblicati sul sito nei primi giorni di settembre). Gli insegnanti incaricati saranno presenti in cortile, accoglieranno le loro classi e resteranno con loro tutta la mattina per lo svolgimento delle attività previste.

 

ACCOGLIENZA DELLE CLASSI PRIME: “PETRUŠKA E ALTRE STORIE”

 

Quest’anno l’accoglienza delle classi prime, oltre alla conoscenza dei compagni e della scuola (spazi, regolamento, progetto formativo), prevede un lavoro di approfondimento, con conferenze e performance-concerto, sulla figura popolare russa della marionetta Petruška, con riferimento al celebre balletto in quattro scene con musica di Igor Stravinskij, che tanto ha suggestionato la produzione artistica contemporanea. La figura della marionetta che prende vita e riesce a provare sentimenti ha ispirato musicisti e artisti e l’attività proposta consentirà agli studenti di immergersi nel mondo della cultura e dell’arte che caratterizza la nostra formazione liceale.

Nel percorso di accoglienza gli studenti saranno accompagnati dai docenti e della Dirigente.

Programma:

 

Mercoledì 11 settembre

Le classi  svolgeranno le seguenti attività in sede centrale, articolate su due turni in considerazione del numero degli alunni:

 

classi 1^A – 1^B – 1^C – 1^D – 1^F  

8.15-9.45 Aula magna

  • Intervento di accoglienza della Dirigente dott.ssa Mariangela Icarelli (15’)
  • Flavia Casari pianista e Carlo Miotto percussionista: “Stravinskij, il balletto russo, la musica e l'arte” (40’)
  • Prof.ssa Silvia Pachera, intervento sul tema: “Il balletto e le fiabe” (35’)

9.45-12.40 Aula destinata alle attività di accoglienza e conoscenza della scuola Conoscenza reciproca degli studenti; conoscenza della scuola, dei suoi spazi (anche attraverso un percorso guidato), del regolamento di Istituto, delle attività di laboratorio, della funzione del docente coordinatore di classe e dello studente rappresentante di classe (intervallo 10.35-10.50).

12.40 rientro a casa.

 

classi 1^E, 1^G, 1^H, 1^I, 1^L, 1^M

8.15 – 9.45 Aula destinata alle attività di accoglienza e conoscenza della scuola Conoscenza reciproca degli studenti; conoscenza della scuola, dei suoi spazi (anche attraverso un percorso guidato), del regolamento di Istituto, delle attività di laboratorio, della funzione del docente coordinatore di classe e dello studente rappresentante di classe.

9.45-11.15 Aula magna

  • Intervento di accoglienza della Dirigente dott.ssa Mariangela Icarelli (15’)
  • Prof.ssa Silvia Pachera, intervento sul tema: “Il balletto e le fiabe” (35’)
  • Flavia Casari pianista e Carlo Miotto percussionista: “Stravinskij, il balletto russo, la musica e l'arte” (40’)

11.15-11.30 intervallo

11.30-12.40 Aula destinata alle attività di accoglienza e conoscenza della scuola (ripresa delle attività di conoscenza dalla scuola).

12.40 rientro a casa.

 

Giovedì 12 settembre

Per tutte le classi 1^ le lezioni si svolgeranno regolarmente secondo l’orario normale che sarà pubblicato sul sito. Si recheranno o in sede centrale o nella succursale presso l’istituto Fermi, come previsto dall’orario (la succursale è indicata con la sigla FER).

 

Venerdì 13 settembre

8.00-12.00 Per tutte le classi 1^ le lezioni si svolgeranno regolarmente secondo l’orario che sarà pubblicato sul sito. Gli studenti si recheranno o in sede centrale o nella succursale presso l’istituto Fermi, come previsto dall’orario (la succursale è indicata con la sigla FER).

12.00 - 13.30 PERFORMANCE CONCERTO “PETRUŠKA E ALTRE STORIE

Flavia Casari e Adriano Ambrosini, pianoforte a quattro mani.

Carlo Miotto e Didier Bellon, percussioni.

Paolo Ottoboni, attore.

Opera di Igor Stravinsky, Petruška e di Maurice Ravel, Ma Mere l’Oye, per pianoforte e percussioni.

Tutte le classi prime si recheranno nel cortile della scuola per assistere alla perferomance, accompagnate dal docente della 5^ ora.  Le classi che fanno lezione nella sede staccata partiranno alle ore 11.50 per arrivare in cortile alle ore 12.00. La vigilanza sarà garantita dai docenti secondo l’orario di servizio. 

13.30 (per tutti) rientro a casa.

Tutti gli alunni dovranno portare un cuscino per sedersi e assistere alla performance ed essere dotati obbligatoriamente di un quaderno per gli appunti (per la perfomance), ove annotare sensazioni, riflessioni, suggestioni da tradurre poi in creazione artistica e dei libri di testo per le prime 4 ore di lezione.

 

Nel caso di maltempo la lezione concerto si terrà in aula magna, dove le classi si recheranno in due turni accompagnate dal docente dell’ora e dove la vigilanza sarà garantita dai docenti secondo l’orario di servizio:

  • 1^ turno classi 1A, 1B, 1C, 1D, 1F - arrivo a scuola alle ore 7.55, appello nell’aula con il docente in orario; sistemazione in aula magna entro le ore 8.30 accompagnati dal docente in orario (le classi in arrivo dal Fermi dovranno prevedere il tempo per lo spostamento accompagnate dal docente in servizio). 8.30-10.00 Performance artistica. Rientro in aula e prosecuzione delle lezioni.
  • 2^ turno classi 1E ,1G, 1H, 1I, 1L, 1M arrivo a scuola alle ore 7.55 e svolgimento delle lezioni fino alle ore 10.50. Sistemazione in aula magna entro le ore 11.00 accompagnati dal docente della 4^ ora (le classi in arrivo dal Fermi dovranno prevedere il tempo per lo spostamento accompagnate dal docente in servizio). 11.00- 12.30 performance artistica e rientro in aula fino al termine delle lezioni (secondo l’orario in sede centrale o al Fermi).

 

Nelle giornate successive spunti e suggestioni offerte da questa attività saranno oggetto di approfondimento creativo nelle materie artistiche.

 

Breve presentazione della tematica scelta per l’accoglienza “PETRUŠKA E ALTRE STORIE”

 

Durante il percorso di accoglienza i nostri alunni incontreranno poesia, musica, canto e pittura, sperimentando la collaborazione tra le arti nella fiaba e nella figura di Petruška.

Il 13 giugno 1911 debuttava a Parigi il balletto in quattro scene Petruška, uno dei primi esperimenti della nuova danza del Novecento. Un’ equipe di artisti lavora a Petruška, ispirandosi all’opera Balagan del poeta russo Aleksandr Aleksandrovič Blok e ad una prima bozza musicale di Igor' Fëdorovič Stravinskij.

Stravinskij presentò i suoi “schizzi” musicali a Sergej Pavlovič Djagilev, impresario dei Balletti Russi. Djagilev ascoltò il brano, rimanendone impressionato, e volle a tutti i costi che Stravinskij lo utilizzasse per un nuovo balletto. Seguendo l'idea che il compositore aveva in mente, i due definirono l'intreccio e lo svolgimento del lavoro. Coinvolsero quindi Minai Fokine per le coreografie, Aleksandr Nikolaevič Benois per scenografie e i costumi e il corpo di ballo dei Ballets Russes con il ballerino Vaclav Fomič Nižinskij  quale interprete d’eccezione. Il risultato fu strabiliante, un lavoro che, come la Sagra della Primavera che debutterà di lì a poco, segnò la storia della musica e delle arti del XX secolo.

La trama di Petruska, semplice e potente come sanno esserlo solo le fiabe, ricorda per certi aspetti quella del nostro Pinocchio: un burattino (Petruska, appunto), proprietà di un Ciarlatano, si esibisce durante le feste di piazza del martedì grasso a San Pietroburgo, si innamora di una ballerina e, a causa dell’amore per lei, subisce la violenza dell’ottuso Moro, venendo malmenato e distrutto. Ad essere distrutta però è soltanto la sua forma di burattino: la frattura della maschera fa emergere il volto vero e nascosto di Petruska, che rivendica una vita autonoma e libera,  viva. 

La versione originale del balletto è scritta da Stravinskij per orchestra. Il compositore ne elaborerà una seconda versione strumentale per pianoforte a quattro mani. È questa seconda versione che verrà presentata dai musicisti in questo progetto, arricchendo la parte pianistica con la coloritura timbrica della grande sezione delle percussioni usata da Stravinskij stesso. L’attore Paolo Ottoboni, oltre a raccontare lo svolgimento della storia, condurrà gli studenti in un ascolto guidato.

In base al tempo che resterà a disposizione al termine del racconto di Petruška, i musicisti presenteranno come bis alcuni quadri di Ma mere l’Oye di Ravel, con relativa introduzione narrativa e di guida all’ascolto (Pavana della Bella addormentata, Pollicino, Laideronette imperatrice delle pagode, Le conversazioni della Bella e la Bestia, Il giardino fatato).

Un avvicinamento al Liceo Artistico di Verona che speriamo stimolante e suggestivo per tutti i nostri nuovi alunni.

SEGUIRA’ UNA CIRCOLARE CON L’INDICAZIONE DELLE AULE DESTINATE ALLE CLASSI IL GIORNO 11 SETTEMBRE E I DOCENTI COINVOLTI.

 

ALLEGATISize